Tokyo, giorno 8
Tokyo, giorno 8

Tokyo, giorno 8

3-1 alla Turchia, il rosario si sgrana. Si comincia a capire qualcosa di più sul girone, sulle avversarie, sulle nostre possibilità. Dopo l’abbordabile Argentina avremo Cina (zero su due finora) e soprattutto gli USA, che al momento sembrano avere qualcosa in più ma non è detto che lo manterranno fino alla fine. Piccolo scoop dopo Cina-USA: una domanda all’opposta americana Thompson mi ha permesso di sapere che non verrà a giocare in Italia, come invece era stato annunciato nelle scorse settimane.

Stamattina nessun problema col tassista per andare a commentare Cina-USA, mentre per andare alla partita pomeridiana dell’Italia abbiamo utilizzato le solite navette. Non sapendo dove si trovasse la nostra, ho chiesto informazioni ai volontari sul posto. Uno di loro mi ha indicato il bus, giusto oltre la strada che attraversa il piazzale. Avrebbe voluto farmi fare tutto il giro del parcheggio, col bus quasi in partenza. Ovviamente ho attraversato nonostante le sue cortesi proteste. Insomma, a volte anche i Giapponesi potrebbero essere un filino più elastici.

Alla fine sulle previsioni per il tifone ho avuto ragione io, o, meglio, i siti che avevo visitato. È passato in mattinata, ha colpito con buona mira e nessun danno e se n’è andato rapidamente. Dal palazzetto non mi sono accorto di nulla, quando sono uscito c’era già il sole. Come primo tifone della mia vita è stato piuttosto deludente. Ora aspettiamo il terremoto: vuoi stare tre settimane in Giappone senza?

Un commento

  1. GughyTumy

    .. la giornata di oggi ha fatto capire che a volte si deve un pò soffrire .. almeno noi spettatori .. perchè apprezzi di più i punti belli conquistati con grinta .e che è realisticamente possibile arrivare primi del girone..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.